Indice del forum

Bracciano Translation Team. Traduzioni di qualità



PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

From Global Research.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Economia
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
btt2009

Site Admin






Registrato: 03/11/08 17:18
Messaggi: 21
btt2009 is offline 






MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:02 am    Oggetto:  From Global Research.
Descrizione:
Rispondi citando

Pubblicato su:

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Adv



MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:02 am    Oggetto: Adv



Torna in cima
btt2009

Site Admin






Registrato: 03/11/08 17:18
Messaggi: 21
btt2009 is offline 






MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:04 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Status Report on the Collapse of the U.S. Economy

by Richard C. Cook

 

With the economic news of the week of July 14—the continuing crisis among mortgage lenders, the onset of bank failures, the announced downsizing of General Motors, the slide of the Dow-Jones below 11,000—we are seeing the ongoing collapse of the U.S. economy.

Even the super-rich are becoming nervous as cries for an emergency suspension of short selling ring out.

What is really taking place, however, is that the producing economy of working men and women is being crushed by the overall debt burden on households, businesses, and governments that could reach $70 trillion by 2010. The financial system, including mortgage giants Fannie Mae and Freddie Mac, is bankrupt, as the debts it is based on cannot be repaid.

This is because the producing economy of people who work for a living simply can no longer generate enough purchasing power for people either to pay their debts or allow them to purchase what is being sold in the marketplace. In turn it is the debt burden and the loss of societal purchasing power that are crashing the stock market. Thus the collapse of the financial economy has started to destroy the producing economy as well.

It’s a “perfect storm,” the result of a 200-year-old financial system where money is largely created by bank lending and where since 1980 our industry and jobs have been increasingly outsourced abroad to cheap labor markets. Thus domestic incomes have stagnated while the nation’s GDP has not been able to keep up with the exponential growth of debt.

While the mainstream media are blind, deaf, and dumb as to the causes, the victims within the middle and working classes are seeing their livelihoods ruined, jobs taken away, pensions eroded, homes foreclosed on, and are being saddled with ever-increasing debt and forced to work under more and more stress due to rising burdens of taxation, gas and food price inflation, and bureaucratic rules and regulations. The only places a more-or-less normal life may still be possible will be the wealthiest imperial centers like Washington, New York, Houston, Chicago, or San Francisco.

All that the current bailouts being engineered by the Federal Reserve are doing is to create more debt to shore up failing financial institutions. No new wealth is being created. It’s band-aids on band-aids.

The problem politically is that control of the U.S. long ago was turned over to the bankers and the financiers of the Western world. It was called financial “deregulation,” accelerated under President Ronald Reagan, and has run amok since then. From a longer historical view, it’s the same phenomenon that first created and then ruined the British Empire , and it’s what created and is now ruining the American Empire today.

A side-effect of control by the bankers and financiers is that they are also Zionists, so we have the added multi-trillion dollar burden of trying to conquer the Middle East on behalf of the international oil interests and the state of Israel .

The situation has deteriorated sharply since the 1970s as U.S. affairs have been managed on behalf of the financial interests by what you might call the “Three Amigos”—Henry Kissinger, Paul Volcker, and Alan Greenspan. Kissinger, while Nixon’s secretary of state, made the U.S. dependent on the Middle East for oil, lavished billions on Israel ’s war machine, and created the petrodollar to support our trade and fiscal deficits. Volcker, while chairman of the Federal Reserve, crashed the U.S. producing economy in the recession of 1979-1983, leading to the rise of the “service economy.” Greenspan, during his own Federal Reserve chairmanship, presided over the bubble economy which was created through massive official fraud in home mortgage lending and is now sinking like the Titanic.

The politicians have enabled these financial crimes. Above all it’s been the Bush family which has served as a political Trojan Horse for the financiers for three generations, with affairs having become much worse since George H.W. Bush invaded Iraq for the first time in 1991. The enablers have included a majority of the members of the U.S. Congress. (See the conclusion of Patrick Buchanan’s new book, Churchill, Hitler, and the Unnecessary War for an account of how the U.S. since the Bush I presidency has replicated the catastrophic errors of failed British imperialism.)

The American people are not entirely innocent. We have been so lulled to sleep by the financier-owned media that we have allowed these disasters to take place and are now reaping the consequences. We have been the fodder for their wars and the signers of their loans. We have tried to carve out our own piece of the pie which is now crumbling.

What is taking place is not just the collapse of the U.S. , but more than likely the final crash of Western civilization, since we are the last of the world empires to go down the drain. World War I saw the end of the German, Austro-Hungarian, Russian, and Ottoman empires. World War II saw the disappearance of the French, British, Japanese, and Italian empires, along with Nazi Germany. The Soviet empire collapsed in 1991. The American is next. The danger is that we may lash out and start a nuclear World War III out of frustration and to appease the elitists of the world who see war and famine as their pathway to world control. Such a war would also mean a military takeover domestically to manage the pathetically weak nation that we are becoming.

The bankers and financiers do not care if nations and empires destroy themselves and each other, because they are internationalists. In fact, the more war and mass starvation there is the better off they feel. All they need is a base from which to operate. London has been their main base of operations since the Bank of England was founded in 1694, though they have a strong presence in other nations. They have been especially influential in northwest Europe , where elitism in the form of Freemasonry endeavored since the time of the French Revolution to destroy the authority of the Catholic Church.

In fact, World War I was a project of the Freemasons in dismembering Germany and the Austro-Hungarian Empire, both largely Catholic. This destruction allowed the masters of usury to flourish within the atheistic and materialistic culture that Freemasonry fostered across Europe . World War I also resulted in the virus of Communism, largely egged on by the internationalists and Freemasons, though it had such a tragic impact on Russia and Central Europe before spreading to China and East Asia .

It is theoretically possible that the US as a nation could still save itself through an internal revolution, while playing a much reduced role in the world. After all, England , France , and Italy still exist as shadows of their past greatness. But, realistically, all ordinary people can do today is try to survive, perhaps by working with friends and neighbors in planting food and living within the underground economy. At least people might not then have to starve to death, because hard as it is to believe that “it could happen here,” widespread famine in the U.S. seems a real possibility over the next several years. Nations take such risks when they allow capitalist agribusiness to destroy local agriculture.

On a national level, it is likely that as a response to the economic crisis some attempt will be made by desperate politicians to try to replicate the New Deal, but to do this effectively would require political control by a nationalistic reform party. Even then, additional reform measures such as control of credit as a public utility, a basic income guarantee, and a national dividend would be needed for real economic security to replace the current madness that could soon make the U.S. a relic of history.

Richard C. Cook is a former U.S. federal government analyst, whose career included service with the U.S. Civil Service Commission, the Food and **** Administration, the Carter White House, NASA, and the U.S. Treasury Department. His articles on economics, politics, and space policy have appeared on numerous websites and in Eurasia Critic magazine. His book on monetary reform, entitled We Hold These Truths: The Hope of Monetary Reform, will be published soon by Tendril Press. He is also the author of Challenger Revealed: An Insider’s Account of How the Reagan Administration Caused the Greatest Tragedy of the Space Age, called by one reviewer, “the most important spaceflight book of the last twenty years.” His website is at  


Richard C. Cook is a frequent contributor to Global Research. Global Research Articles by Richard C. Cook
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
btt2009

Site Admin






Registrato: 03/11/08 17:18
Messaggi: 21
btt2009 is offline 






MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:05 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Rapporto sul collasso dell’economia USA.

Da Global Research – 15/8/2008

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Con le notizie economiche della settimana del 14 luglio – il proseguire della crisi dei mutui ipotecari, l’inizio di fallimenti bancari, l’annunciato ridimensionamento della General Motors, lo discesa del Dow Jones sotto gli 11.000 punti – stiamo assistendo all’evoluzione del collasso dell’economia USA.

Anche i super-ricchi stanno cominciando ad innervosirsi di fronte alle richieste per una sospensione d’emergenza delle vendite allo scoperto.

Ciò che sta realmente accadendo, comunque, è che l’economia produttiva di uomini è donne sta venendo schiacciata dal fardello debitorio totale sulle famiglie, sugli affari e sul governo, che potrebbe raggiungere i 70 trilioni di dollari entro il 2010. Il sistema finanziario, inclusi i giganti del mutuo ipotecario Fannie Mae e Freddy Mac, è in bancarotta, dato che i debiti su cui è fondato non possono essere ripagati.

Ciò accade perché l’economia produttiva della gente che lavora per vivere semplicemente non può più generare sufficiente potere d’acquisto che consenta alla gente di pagare i propri debiti oppure di comprare ciò che si vende sul mercato. In conseguenza di ciò è il carico debitorio e la perdita del potere d’acquisto della società che sta distruggendo il mercato azionario. Così il collasso dell’economia finanziaria ha cominciato a distruggere a sua volta l’economia produttiva.

E’ la “tempesta perfetta”, il risultato di un sistema finanziario vecchio di 200 anni in cui il denaro è in massima parte creato dal prestito bancario e in cui, sin dal 1980, la nostra produzione de il nostro lavoro sono stati sempre più trasferiti su mercati del lavoro più economici, all’estero. In questo modo le entrate domestiche hanno stagnato mentre il PIL del paese non è stato capace di mantenere il passo con la crescita esponenziale del debito.

Mentre i principali media rimangono ciechi, sordi e muti sulle cause del problema, le vittime nella classe media ed operaia stanno assistendo alla rovina dei propri mezzi di sostentamento, alla perdita del lavoro, all’erosione delle pensioni, alla perdita della casa e vengono ancora caricati di un debito che continua ad aumentare ed obbligati a lavorare sotto sempre maggior stress causato dall’aumento del fardello della tassazione, dell’inflazione dei prezzi di carburante e generi alimentari e di regole e norme sempre più burocratiche: Gli unici posti dove una vita più o meno normale possa essere ancora possibile saranno i ricchissimi centri imperiali come Washington, New York, Houston, Chicago o San Francisco.

Tutte le attuali manovre sulla liquidità messe in atto dalla Federal Reserve stanno solo ottenendo di creare ancor maggior debito al fine di puntellare istituzioni finanziarie sull’orlo del crollo. Non si sta creando alcuna ricchezza, si stanno solo mettendo cerotti su altri cerotti.

Da un punto di vista politico il problema deriva dal fatto che ormai da lungo tempo il controllo degli USA è stato ceduto ai banchieri ed ai finanzieri del mondo occidentale. Fu definita “de-regolamentazione finanziaria”, accelerata sotto il presidente Reagan, ed ha corso in maniera folle sin da allora. Da una prospettiva storica più lunga possiamo dire che è lo stesso fenomeno che prima creò, e poi distrusse, l’impero britannico e che ha creato, e adesso sta distruggendo, l’impero americano.

Un effetto collaterale del controllo di banchieri e finanzieri è che essi sono anche sionisti, così abbiamo anche il fardello multi-trilionario di dover tentare di conquistare il M.O. per gli interessi dei petrolieri internazionali e dello stato di Israele.

La situazione ha cominciato a deteriorarsi rapidamente fin dal 1970, quando gli affari degli USA hanno cominciato ad essere gestiti per conto dei poteri finanziari da quelli che si potrebbero chiamare “I tre amici” – Kissinger, Volcker e Greenspan – mentre il Segretario di Stato di Nixon rendeva gli USA dipendenti M.O. per le forniture di petrolio, profondeva miliardi di dollari nella macchina da guerra di Israele e creava il petrodollaro per sostenere i nostri deficit commerciali e fiscali. Volcker, a capo della FED, distrusse l’economia produttiva USA durante la recessione del 1979/1983, portando così alla nascita della “economia di servizio”. Greenspan, durante la sua presidenza della FED, orchestrò la bolla economica che si creò attraverso massicce frodi ufficiali sui mutui ipotecari, e che adesso sta affondando come il Titanic.

I politici hanno permesso questi crimini finanziari. Sopra tutti c’è stata la famiglia Bush che ha operato come cavallo di Troia per i finanzieri di tre generazioni, con le cose che sono enormemente peggiorate da quando George H.W. Bush invase l’Iraq per la prima volta nel 1991. Fra coloro che consentirono tutto ciò ci fu una vasta maggioranza di membri del Congresso. (Guardate la conclusione del nuovo libro di Patrick Buchanan “Churchill, Hitler, e la guerra inutile” per avere un resoconto di come gli USA, dalla prima presidenza Bush, hanno replicato i catastrofici errori del fallimentare imperialismo britannico.

Arrow
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
btt2009

Site Admin






Registrato: 03/11/08 17:18
Messaggi: 21
btt2009 is offline 






MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:06 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Il popolo americano non è del tutto innocente. Siamo stati talmente messi a dormire dai media di proprietà dei finanzieri che abbiamo consentito che questi disastri accadessero e adesso ne subiamo le conseguenze. Siamo stati il foraggio per le loro guerre e i garanti dei loro mutui. Abbiamo cercato di tagliarci la nostra fetta di questa torta che adesso si sta sbriciolando.

Quello che sta accadendo non è soltanto il collasso degli USA, quanto piuttosto lo schianto finale della civiltà occidentale, dato che siamo l’ultimo degli imperi mondiali che adesso finisce nello scarico. La prima guerra mondiale vide la fine degli imperi tedesco, austro-ungarico, russo ed ottomano. La seconda guerra mondiale portò la fine degli imperi francese, britannico, giapponese ed italiano, assieme alla Germania nazista. L’impero sovietico è collassato nel 1991; quello americano è il prossimo.
Il pericolo è che possiamo scalciare e far scoppiare una terza guerra mondiale dalla frustrazione (della nostra ambizione) e per appagare gli alcolizzati del mondo che ritengono che la guerra e la carestia siano il loro percorso verso il controllo globale. Una tale guerra potrebbe anche significare un colpo di stato militare per prendere il controllo di questa nazione pateticamente debole che siamo diventati.

Ai banchieri ed ai finanzieri non importa alcunché se imperi e nazioni si distruggono vicendevolmente, perché loro sono internazionalisti. In effetti, più guerra ed affamamento di massa c’è e meglio loro si sentono. Tutto quello di cui hanno bisogno è una base da cui operare. Londra è stata la loro principale base di operazioni sin da quando fu fondata la Banca d’Inghilterra nel 1694, sebbene abbiano una forte presenza in altre nazioni. Sono specialmente influenti nell’Europa nord-occidentale, dove questa elite, nella forma della Massoneria, si sviluppò fin dal tempo della Rivoluzione Francese con lo scopo di distruggere l’autorità della Chiesa cattolica.

In effetti la prima guerra mondiale fu un progetto della Massoneria volto a smembrare gli imperi tedesco ed austro-ungarico, entrambi grandemente cattolici. Questa distruzione consentì ai padroni dell’usura di fiorire grazie alla cultura atea e materialistica che la Massoneria propagò attraverso l’Europa. La prima guerra mondiale risultò anche nel virus del comunismo, largamente stimolato dagli internazionalisti e dai massoni, sebbene abbia avuto un così tragico impatto sulla Russia e sull’Europa Centrale prima di diffondersi in Cina e in Asia Orientale.

E’ teoricamente possibile che gli USA come nazione possano ancora salvarsi attraverso una rivoluzione interna, pur continuando a giocare un ruolo ridotto nel mondo. Dopo tutto l’Inghilterra, la Francia e l’Italia esistono ancora come ombre della loro passata grandezza.
Però, realisticamente, tutto quello che la gente ordinaria oggi può fare è tentare di sopravvivere, forse lavorando con amici e vicino a coltivare piante commestibili e vivendo nell’economia della terra. Almeno la gente potrebbe non dover morire di fame, perché per quanto sia difficile credere che “potrebbe accadere qui”, una diffusa carestia negli USA si presenta come una reale possibilità dei prossimi anni. Questi sono i rischi che corrono le nazioni quando consentono al capitalismo agro-alimentare di distruggere l’agricoltura locale.

A livello nazionale è verosimile che, come risposta alla crisi economica, qualche politico disperato faccia qualche tentativo di replicare il New Deal, ma per aver successo un tale tentativo richiederebbe il controllo politico da parte di un partito nazionale riformatore. Anche in quel caso, comunque, sarebbero necessarie misure aggiuntive come il controllo del credito in quanto di pubblica utilità, un guadagno minimo garantito e un dividendo nazionale, per ottenere una reale sicurezza economica che si sostituisca all’attuale follia che potrebbe molto presto trasformare gli USA in una reliquia della storia.

Richard C. Cook, ex analista per il governo federale, ha prestato servizio nella Commissione Civile USA, nella Food and **** Administration, alla Casa Bianca col presidente Carter, alla NASA e al Dipartimento del Tesoro. I suoi articoli di economia, politica e regolamentazioni spaziali, sono apparsi su numerosi siti Web e sulla rivista Eurasia Critic. Il suo libro sulla riforma monetaria, “We hold these truths: the hope of monetary reform.” sarà pubblicato a breve dalla casa editrice Tendril Press. E’ anche l’autore di “Challenger revealed: an insider’s account of how the Reagan administration caused the greatest tragedy of the Space Age.” definito da un revisore “il libro più importante degli ultimi venti anni sui voli spaziali.” Il suo sito è  

Global Research – 16 luglio 2008.

Traduzione di Arrigo de Angeli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Economia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Bracciano Translation Team. Traduzioni di qualità topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008