FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   cal.php?sid=ba813fc5a2442ebedb58dff0c2976122Calendario Bracciano Translation Team. Traduzioni di qualità 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 
 
Honourable exit from Empire.

 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Politica

btt2009 Rispondi citando
Site Admin



Registrato: 03/11/08 17:18
Messaggi: 21

MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:16 am    Oggetto: Honourable exit from Empire.
 
http://www.humanevents.com/article.php?id=27696

pubblicato qui:

http://www.identitaeuropea.org/archivio/articoli/buchanan_uscita.html

http://www.effedieffe.com/content/section/4012/
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email

Adv







MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:16 am    Oggetto: Adv
 




Torna in cima

btt2009 Rispondi citando
Site Admin



Registrato: 03/11/08 17:18
Messaggi: 21

MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:18 am    Oggetto:
 
Honorable Exit From Empire
by Patrick J. Buchanan

07/25/2008

As any military historian will testify, among the most difficult of maneuvers is the strategic retreat. Napoleon's retreat from Moscow, Lee's retreat to Appomattox and MacArthur's retreat from the Yalu come to mind. The British Empire abandoned India in 1947 -- and a Muslim-Hindu bloodbath ensued.

France's departure from Indochina was ignominious, and her abandonment of hundreds of thousands of faithful Algerians to the FALN disgraceful. Few American can forget the humiliation of Saigon '75, or the boat people, or the Cambodian holocaust.

Strategic retreats that turn into routs are often the result of what Lord Salisbury called "the commonest error in politics ... sticking to the carcass of dead policies."

From 1989 to 1991, with the collapse of the Soviet Empire and breakup of the U.S.S.R., America had an opportunity to lay down its global burden and become again what Jeane Kirkpatrick called "a normal country in a normal time."

We let the opportunity pass by, opting instead to use our wealth and power to convert the world to democratic capitalism. And we have reaped the reward of all the other empires that went before: A sinking currency, relative decline, universal enmity, a series of what Rudyard Kipling called "the savage wars of peace."

Yet, opportunity has come anew for America to shed its imperial burden and become again the republic of our fathers.

The chairman of Chiang Kai-shek's Kuomintang Party has just been hosted for six days by Beijing. Commercial flights have begun between Taipei and the mainland. Is not the time ripe for America to declare our job done, that the relationship between China and Taiwan is no longer a vital interest of the United States?

Prime Minister Nouri al-Maliki's government wants a status of forces agreement with a timetable for full withdrawal of U.S. troops. Is it not time to say yes, to declare that full withdrawal is our goal as well, that the United States seeks no permanent bases in Iraq?

On July 4, Reuters, in a story headlined "Poland Rejects U.S. Missile Offer," reported from Warsaw: "Poland spurned as insufficient on Friday a U.S. offer to boost its air defenses in return for basing anti-missile interceptors on its soil. ...

"'We have not reached a satisfactory result on the issue of increasing the level of Polish security,' Prime Minister Donald Tusk told a news conference after studying the latest U.S. proposal."

Tusk is demanding that America "provide billions of dollars worth of U.S. investment to upgrade Polish air defenses in return for hosting 10 two-stage missile interceptors," said Reuters.

Reflect if you will on what is going on here.

By bringing Poland into NATO, we agreed to defend her against the world's largest nation, Russia, with thousands of nuclear weapons. Now the Polish regime is refusing us permission to site 10 anti-missile missiles on Polish soil, unless we pay Poland billions for the privilege.

Has Uncle Sam gone senile?

No. Tusk has Sam figured out. The old boy is so desperate to continue in his Cold War role as world's Defender of Democracy he will even pay the Europeans -- to defend Europe.

Why not tell Tusk that if he wants an air defense system, he can buy it; that we Americans are no longer willing to pay Poland for the privilege of defending Poland; that the anti-missile missile deal is off. And use cancellation of the missile shield to repair relations with a far larger and more important power, Vladimir Putin's Russia.

Consider, too, the opening South Korea is giving us to end our 60-year commitment to defend her against the North. For weeks, Seoul hosted anti-American protests against a trade deal that allows U.S. beef into South Korea. Koreans say they fear mad-cow disease.

Yet, when a new deal was cut to limit imports to U.S. beef from cattle less than 30 months old, that too was rejected by the protesters. Behind the demonstrations lies a sediment of anti-Americanism.

In 2002, a Pew Research Center survey of 42 nations found 44 percent of South Koreans, second highest number of any country, holding an unfavorable view of the United States. A Korean survey put the figure at 53 percent, with 80 percent of youth holding a negative view. By 39 percent to 35 percent, South Koreans saw the United States as a greater threat than North Korea.

Can someone explain why we keep 30,000 troops on the DMZ of a nation whose people do not even like us?

The raison d'etre for NATO was the Red Army on the Elbe. It disappeared two decades ago. The Chinese army left North Korea 50 years ago. Yet NATO endures and the U.S. Army stands on the DMZ. Why?

Because, if all U.S. troops were brought home from Europe and Korea, 10,000 rice bowls would be broken. They are the rice bowls of politicians, diplomats, generals, journalists and think tanks who would all have to find another line of work.

And that is why the Empire will endure until disaster befalls it, as it did all the others.

---------------------------------------------------------------------------------------------

Mr. Buchanan is a nationally syndicated columnist and author of "Churchill, Hitler, and 'The Unnecessary War': How Britain Lost Its Empire and the West Lost the World", "The Death of the West,", "The Great Betrayal," "A Republic, Not an Empire" and "Where the Right Went Wrong."
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email

btt2009 Rispondi citando
Site Admin



Registrato: 03/11/08 17:18
Messaggi: 21

MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 11:19 am    Oggetto:
 
Pat Buchanan - Una onorevole uscita dall’Impero.

Come qualunque storico potrà testimoniare la ritirata strategica è la manovra più difficile. La ritirata di Napoleone da Mosca, quella di Lee ad Appomattox e quella di MacArthur allo Yalu tornano immediatamente alla mente.

L’abbandono dell’Indocina da parte della Francia fu ignominiosa, come fu disgraziato quello di centinaia di migliaia di fedeli algerini al FALN. Pochi americani possono dimenticare l’umiliazione di Saigon nel 1975, o il popolo delle barche, o l’olocausto cambogiano.

Le ritirate strategiche che si trasformano in rotte sono spesso il risultato di quello che Lord Salisbury definì: “il più comune degli errori politici, restare attaccati al cadavere di politiche morte.”

Dal 1989 al 1991, col collasso dell’Impero Sovietico e la dissoluzione dell’URSS, l’America ebbe l’opportunità di deporre il suo fardello globale e tornare ad essere quello che Jeane Kirckpatrick chiamò “ un paese normale in un paese normale”.

Abbiamo lasciato passare l’opportunità, decidendo invece di utilizzare la nostra ricchezza e la nostra forza per convertire il mondo al “capitalismo democratico”. E in cambio abbiamo ottenuto la ricompensa di tutti gli altri imperi prima di noi: una moneta colata a picco, con il relativo declino, inimicizia universale, insomma la sequenza di ciò che Kipling definì: “Le guerre selvagge della pace.”

Il presidente del Partito del Kuomintag di Chiank-Kai-shek è stato appena ospite di Pechino per sei giorni. Sono cominciati i voli commerciali fra Taipei e la terraferma. Non è dunque il momento adatto per dichiarare completato il nostro lavoro, ora che le relazioni fra la Cina e Taiwan non sono più di interesse vitale per gli Stati Uniti?

Il governo irakeno di Al Maliki vuole un accordo sulle forze di occupazione americane, con una tabella che stabilisca il completo ritiro delle truppe USA. Non è forse il momento di acconsentire, di confermare che il ritiro completo è anche un nostro obiettivo e che gli USA non vogliono più basi permanenti in Iraq?

Il 4 luglio la Reuters, in un articolo intitolato “La Polonia rifiuta l’offerta di missili USA”, scriveva da Varsavia: “La Polonia ha respinto sdegnosamente l’offerta statunitense di rafforzare la propria difesa aerea in cambio di una base a terra di missili intercettori…”
In una conferenza stampa il primo ministro Donald Tusk, dopo aver esaminato l’ultima proposta statunitense, ha dichiarato: “Non abbiamo raggiunto un risultato soddisfacente sul tema dell’innalzamento del livello di sicurezza polacco.”
Tusk chiede che l’America “fornisca miliardi di dollari di investimenti USA per aggiornare la difesa aerea polacca in cambio dell’ospitare 10 missili intercettori a due stadi” ha scritto la Reuters.

Riflettete, se volete, su quello che sta accadendo.

Portando la Polonia nella NATO, abbiamo accettato di difenderla contro la nazione più grande del mondo, la Russia, dotata di migliaia di armi nucleari. Eppure adesso il governo polacco ci rifiuta il permesso di installare dieci missili anti-missile sul proprio territorio, amenoché accettiamo di pagare miliardi alla Polonia in cambio di tale privilegio.

Per caso lo Zio Sam si è rimbambito?

No. Il presidente Tusk ha perfettamente compreso lo Zio Sam: il vecchio è così disperatamente desideroso di continuare il suo ruolo da Guerra Fredda di difensore della democrazia che pagherà persino gli europei pur di difendere l’Europa.

Perché non dire al presidente Tusk che se vuole un sistema di difesa aerea può comprarselo? Che noi americani non vogliamo più pagare la Polonia per avere il privilegio di difendere la Polonia? Che la trattativa sui missili anti-missile si chiude qui?
Perché non usare la cancellazione dello scudo missilistico per riparare le relazioni con una potenza di gran lunga più importante, la Russia di Vladimir Putin?

Considerate anche la possibilità che ci da la Corea del Sud di porre fine all’impegno di sessant’anni di difenderla dalla Corea del Nord. Per settimane a Seoul ci sono state proteste e manifestazioni contro un accordo commerciale che permetterebbe agli USA di esportare il proprio manzo verso la Corea del Sud. I coreani dicono di temere il morbo della mucca pazza.

Inoltre, quando un nuovo accordo è stato definito in modo da limitare le importazioni di manzo dagli USA solo ad animali di meno di 30 mesi, anche questo è stato rigettato dagli oppositori. Oltre le dimostrazioni c’è un forte sentimento anti-americano.

Nel 2002 una indagine del Pew Research Center, condotta su 42 nazioni, ha riscontrato che il 44% dei sud-coreani ha un’immagine sfavorevole degli Stati Uniti. Una ricerca coreana ha riscontrato addirittura il 53%, con l’80% di giovani particolarmente negativi. Addirittura dal 35% al 39% hanno dichiarato di ritenere gli USA una minaccia maggiore che la Corea del Nord.

Qualcuno sa spiegarmi perché teniamo 30.000 soldati nella zona demilitarizzata di una nazione a cui proprio non siamo graditi?

Perché, se riportassimo a casa tutte le nostre truppe dall’Europa e dalla Corea, 10.000 “scodelle di riso” andrebbero in frantumi: le “scodelle di riso” dei politici, diplomatici, giornalisti e pensatori che dovrebbero trovarsi un altro modo per guadagnarsi da vivere.

Ed è per questo motivo che l’Impero continuerà finché non avverrà il disastro, esattamente come è stato per gli altri imperi.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Politica
Pagina 1 di 1

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
nNon puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum

 
Vai a:  


Skin Created by: Sigma12
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2005